La ID.3 come auto da scuola guida

Imparare a guidare con la ID.3: lezioni elettrizzanti

Imparare a guidare con la ID.3: lezioni elettrizzanti

Anche nell’attività quotidiana di un’autoscuola la mobilità elettrica si rivela vantaggiosa. Ne dà prova l’autoscuola Bern West, una delle prime a utilizzare la ID.3 firmata Volkswagen. Gli allievi sono altrettanto entusiasti di questo bolide elettrico compatto, come dimostra il nostro sondaggio.

Testo e foto: Dominique Zahnd

Questo veicolo attira l’attenzione in autoscuola non solo grazie al rivestimento in vinile giovanile e alla moda, ma anche per il suo design futuristico. E, fin dal momento in cui si osserva l’auto sfrecciare silenziosissima, appare chiaro che è in corso una lezione di guida... elettrica.

La ID.3 sta di fronte a un muro con dei graffiti

La ID.3 è l’ultimo acquisto dell’autoscuola Bern West. «Siamo stati una delle prime scuole guida in Svizzera a ordinare questo modello», racconta il proprietario e istruttore Daniel Fehlmann. «Per noi la ID.3 è una scelta logica, perché ci consente di svolgere l’attività pratica tutta la giornata senza doverla mai ricaricare». Grazie al cambio monomarcia, che non richiede manutenzione, è inoltre l’auto perfetta per imparare a guidare con il cambio automatico.

A bordo della ID.3 si trova spesso l’istruttore Nathanael Gerber. È proprio lui a svelare un ulteriore vantaggio: questa Volkswagen silenziosa e a emissioni zero consente di esercitarsi sulla stessa posizione di parcheggio più volte al giorno, anche in una zona residenziale, senza disturbare nessuno con rumori o gas di scarico. «Con un motore a combustione sarebbe tutta un’altra cosa, gli abitanti del quartiere si lamenterebbero già dopo la seconda prova».

Un istruttore di guida parla con un allievo conducente
I pedali di una macchina della scuola guida

Anche gli allievi reagiscono in modo universalmente positivo alla ID.3, come conferma Nathanael Gerber. Viene apprezzata soprattutto la maneggevolezza dell’auto. «I miei allievi rimangono stupefatti dalla fluidità di guida, sembra quasi di scivolare. Ma quando serve, ad esempio durante l’immissione in autostrada, la ID.3 tira fuori la grinta e tiene il passo anche con alcune auto sportive».

I veicoli utilizzati dalle autoscuole devono essere attrezzati con pedali e specchietti aggiuntivi. Tutte modifiche attuabili senza problemi anche su una Volkswagen elettrica. Quest’estate la flotta esistente dell’autoscuola Bern West verrà ampliata con l’aggiunta di una quinta Volkswagen. Come mai questa fedeltà al marchio? Daniel Fehlmann spiega: «Il motivo è riassumibile in una sola parola: soddisfazione».

«Ho cercato un’autoscuola che avesse auto col cambio automatico. La ID.3 mi piace: si guida comodamente ed è quasi del tutto silenziosa. E soprattutto ha un’accelerazione pazzesca! È davvero divertente stare al volante. Trovo particolarmente ben riusciti gli interni, con i due schermi e pochissimi pulsanti. Se potessi permettermelo, però, anziché la ID.3 preferirei acquistare il pulmino Volkswagen, l’ID. Buzz, che uscirà sul mercato l’anno prossimo».

Gabriel Wissler (20) di Berna

Un allievo conducente davanti alla ID.3
Uno studente autista davanti all'ID.3

«La ID.3 è comoda e guidarla è un vero piacere. Le irregolarità della strada non si percepiscono affatto. In più è silenziosa, ma accelera velocemente. Uno dei suoi punti di forza è il sistema di parcheggio con la videocamera e i sensori, che indicano quando si è troppo vicini. Trovo molto pratico anche lo stabilizzatore di velocità tempomat. Credo che le auto elettriche abbiano un futuro, a patto che ci siano abbastanza stazioni di ricarica».

Ellie Müller (22) di Wabern (BE)

«Insieme a un’amica viaggio spesso con una Volkswagen. Per questo sono rimasta piacevolmente sorpresa quando ho scoperto che l’autoscuola offre una flotta Volkswagen. Della ID.3 mi piacciono diverse caratteristiche: è potente, ma non fa rumore. I sistemi di assistenza sono fantastici. Ed è comodissima da guidare. Al momento non me la potrei permettere. Ma più avanti, quando magari avrò dei bambini, sceglierò di sicuro un modello come questo, che funziona senza benzina e fa bene all’ambiente».

Audrey Maillard (27) di Berna

Uno studente autista racconta la ID.3

Anche questi potrebbero interessarvi:

Viaggio inaugurale con la ID.4

La Klausenrennen a bordo della ID.4 GTX, l’auto elettrica dal DNA sportivo

Fino all’ultimo watt: record di autonomia con la ID.3

Il futuro in forma smagliante: check del design nella ID. Crozz

«La e-Golf è un’auto per la vita»

Otto highlight della nuova Golf

Anche questi potrebbero interessarvi: