Felix Schell si trova accanto all'ID.5
Sostenibilità

Il design della ID.5 alla prova: «Gli spigoli ci sono ancora»

Sostenibilità

Il design della ID.5 alla prova: «Gli spigoli ci sono ancora»

24/01/2022

Con la ID.5, Volkswagen ha in programma il primo SUV coupé completamente elettrico. Il designer degli esterni Felix Schell ci spiega perché il design delle auto elettriche presenta sfide completamente nuove e di quali elementi della ID.5 va particolarmente fiero. 

Testo Stefan Fritschi  Foto Dominique Zahnd

Stefan Fritschi è redattore della rivista specializzata «auto-illustrierte». Prima della sua carriera da giornalista, dal 1990 al 2009 ha lavorato come designer presso Volkswagen.

Tutte le indicazioni sui consumi del veicolo valgono al momento della pubblicazione del 25.01.2022

Felix Schnell ci parla ...
... delle sfide in fatto di design nelle auto elettriche

Generalmente, il layout di un veicolo elettrico è totalmente diverso rispetto a un’auto con motore a combustione. Non c’è alcun motore ingombrante che richieda un cofano motore rialzato o uno sbalzo lungo. La batteria tra le ruote certamente lo rende più alto, ma il passo e la cabina sono rispettivamente più lunghi. Anche le ruote di grandi dimensioni rendono le proporzioni più incisive. È esattamente ciò che disegnavamo sempre quando eravamo studenti di design: la vettura dei nostri sogni, o quasi. Tuttavia, all’epoca gli ingegneri scuotevano la testa. Oggi tutto questo è possibile.

Felix Schell sta accanto alla ID.5 GTX e spiega il design posteriore
Felix Schell sta accanto alla ID.5 GTX e spiega il design della griglia del radiatore.

... dell’assenza della calandra 

Nell’adattare l’architettura all’elettrico, abbiamo dovuto mettere in discussione molte cose e impararne di nuove. Le prese d’aria non servono più perché non ci sono più radiatori o scambiatori di calore. Soltanto il sistema di raffreddamento per le batterie è ancora necessario. L’approccio adottato è quindi un «ritorno alle origini», come già successo per il Maggiolino. Non manca nulla nella configurazione. Volkswagen funziona molto bene con e senza calandra. Il risultato dell’intero concept è un volto del marchio immediatamente riconoscibile.

... dei cofani che non racchiudono più il motore

La parte frontale ora risulta ancora più verticale. Il cofano non sporge più in avanti, ma termina con un elemento frontale in plastica. Inoltre, è molto più ridotto in quanto non è più richiesto l’intervento di un meccanico, ad esempio per sostituire le candele. Questo ci rende molto più liberi nella progettazione, ad esempio nella forma degli angoli. Non ci sono più gradini, nessun paraurti sporgente o simile. Tutto è più sobrio, ordinato e moderno.

Non manca nulla nella configurazione. Il design Volkswagen funziona molto bene con e senza calandra.
Felix Schell

... del nuovo look del tetto

La cabina è stata completamente ridisegnata. Il cambio di paradigma nella propulsione ha portato anche qui a un’immagine diversa. Osserviamo come il montante A si inserisce nel parafango, persino nel colore a contrasto. Si tratta di una soluzione completamente diversa rispetto al passato, dove i montanti dovevano essere sviluppati in modo fluido, senza interruzioni. Un altro elemento che caratterizza la ID.5 è la linea filante del tetto in stile coupé.  

... del carattere dinamico

Le auto non devono essere aggressive. Non sarebbe in linea con il nostro marchio. Vogliamo mettere le persone in primo piano e non solo il conducente, ma anche coloro che incontrano la ID.5. L’auto deve però guardare al mondo con sicurezza. I bordi superiori dei fari sono sollevati verso l’esterno, la firma luminosa delle luci diurne sembra un sopracciglio. Al centro si trovano gli «occhi», che non sono trasognati ma guardano dritto davanti a sé sulla strada e contribuiscono al carattere dinamico dell’auto. La ID.5 non è pensata però per divorare l’asfalto.

La ID.5 è stata decisamente scolpita dal vento
Felix Schell

... degli spigoli ridotti

Gli spigoli ci sono ancora. Tuttavia, il design doveva rispondere ai nuovi requisiti. Nonostante il carattere debba essere forte e muscoloso, abbiamo puntato a ottenere un’estetica globale più fluida e sinuosa e meno tecnologica. Le transizioni sono sagomate, le superfici dolcemente bombate, i passaruota delicatamente integrati nella carrozzeria. Tutto ciò è motivato anche da aspetti puramente aerodinamici. Proprio come gli innumerevoli bordi affilati nella parte posteriore. La ID.5 è stata quindi decisamente scolpita dal vento. Ne risulta un coefficiente Cx più basso pari a 0,26.

Felix Schell sta accanto alla ID.5 GTX e spiega il design dello spoiler posteriore integrato.

... dell’elemento che preferisce della ID.5 

Mi piace molto lo spoiler posteriore integrato nella carrozzeria. In precedenza, ad esempio nella Scirocco II, lo spoiler sul retro sembrava in un certo modo artefatto. Nella ID.5, al contrario, è completamente integrato nella forma complessiva. Vista lateralmente, lo spoiler non è riconoscibile, non ha alcuna funzione aerodinamica, quanto piuttosto di parte integrante dell’intero concept. E ne vado fiero.

Elegante come una coupé, possente come un SUV

La ID.5 è il modello di punta della famiglia ID. di veicoli completamente elettrici. Coniuga la potenza e i vantaggi pratici di un SUV con l’eleganza di una coupé. Con l’inizio della vendita sono disponibili le versioni Pro (128 kW/174 CV), Pro Performance, (150 kW/204 CV) e la GTX a trazione integrale (220 kW/299 CV). Tutte e tre sono equipaggiate con una batteria da 77 kWh di energia, per un’autonomia massima fino a 520 chilometri (secondo WLTP). Il SUV coupé elettrico è dotato del software ID. 3.0, riceve regolarmente aggiornamenti Over the Air e si ricarica con fino a 135 kW (nella GTX fino a 150 kW). Come tutti i precedenti modelli ID., la ID.5 è prodotta a Zwickau e viene consegnata ai clienti con bilancio neutrale in termini di CO2

Il profilo ID.5 a metà è parcheggiato davanti a un garage

Volkswagen ID.5 GTX, 299 CV, 21,0 kWh/100 km, 0 g CO2/km, cat. A

Anche questi potrebbero interessarvi:

La ID.3 come veicolo di flotta

Franziska Killiches, esperta di materie prime sostenibili per Volkswagen
«Il mio obiettivo è fare luce sulle cose»

Una seconda vita per le batterie usate

Il vecchio diventa nuovo – il riciclaggio delle batterie di Volkswagen 

Approvvigionamento delle risorse per la mobilità elettrica

Anche questi potrebbero interessarvi: