Oliver Malicdem

Oliver Malicdem e la T‑Roc R: una passione in immagini.

Oliver Malicdem e la T‑Roc R: una passione in immagini.

Il fotografo Oliver Malicdem ha messo per noi la T‑Roc R nella luce migliore in un servizio mozzafiato. Lo promettiamo: il risultato è più che degno di uno sguardo.

La mia prima esperienza su una Volkswagen? Erano gli anni Novanta e mia madre guidava una Golf verde. Ero felicissimo quando mi accompagnava all’asilo in auto, spesso con la cassetta di Michael Jackson che girava in sottofondo. Forse sono stati proprio questi primi viaggi a risvegliare in me, già in tenera età, la passione per Volkswagen. Una passione che a 18 anni, al momento di acquistare la mia prima auto, mi ha spinto a scegliere una Volkswagen, per l’esattezza una Polo G40. I modelli G corrispondevano al tempo all’attuale serie R. E i veicoli più veloci mi hanno sempre affascinato.

Poi è arrivato il giorno in cui, per la prima volta nella mia vita, sono salito su una T-Roc R per un test drive a Nizza. Il risultato? Sono rimasto estasiato, già dopo il primo giro. Sì, era un SUV, ma compatto e con un cuore sportivo più unico che raro nascosto sotto il cofano. Per non parlare poi del sound dell’impianto di scarico Akrapovič.

È stato proprio quello il momento in cui ho capito di aver trovato la mia auto e da allora non mi sono più separato dalla T-Roc R.

Nella luce della sera, il T-Roc R con luci parcheggiato accanto a una scala a chiocciola

Con la T-Roc R, viaggiare non è mai stato così piacevole. Il mio lavoro è molto vario e spazia dalla creazione di un progetto fino alla sua pianificazione e realizzazione. I social media mi hanno inoltre permesso di allargare i miei orizzonti, offrendomi nuove opportunità. Proprio come il lavoro di influencer per Volkswagen, per cui ho il compito di mettere in risalto la T-Roc R sotto la luce migliore in un servizio fotografico. Il lavoro dei sogni! 

Il mio approccio? Ve lo spiego proprio in questo articolo.

In fotografia, soggetto, location e luce rappresentano le basi per raggiungere un buon risultato. Quanto al soggetto, non potevo chiedere di meglio. Adoro tutto della T-Roc R, soprattutto la sua natura versatile: un mix perfetto tra un’auto sportiva e un SUV comodo e compatto. Nel servizio fotografico dovevo riuscire a portare alla luce entrambi questi aspetti. Per ottenere l’effetto desiderato mi sono concentrato essenzialmente su prospettiva e lunghezza focale.

La T-Roc si trova accanto a una grande scala a chiocciola

Abbiamo dedicato alla T-Roc R i 2/3 dell’inquadratura, per mostrarla meglio, mentre per immortalarne il carattere massiccio e imponente, una lunghezza focale compresa tra 24 e 50 mm (grandangolo) ci è sembrata la soluzione ideale. La prospettiva era tra il livello del suolo e un’altezza di 1,50 m, con una distanza ridotta dal soggetto. Per una rappresentazione più realistica della T-Roc R, ho scelto una lunghezza focale da 70 a 85 mm (con teleobiettivo). La prospettiva era compresa tra 1,50 m e l’altezza dello sguardo. E per ottenere il miglior dettaglio possibile dell’immagine, ho dovuto mantenere una distanza maggiore.

Per quanto riguarda la location, ho optato per il Negrellisteg, vicino alla stazione centrale di Zurigo. Il carattere artistico e l’architettura di questo luogo sono in perfetta armonia con il design moderno della T-Roc R.

Nella scelta della luce ideale per il servizio fotografico, l’ora del giorno è stata decisiva. Al mattino e alla sera gli scatti sono stati realizzati con LUCE NATURALE. L’effetto della luce laterale ci ha permesso di creare condizioni di illuminazione incredibili, con ombre verticali. Un’ulteriore priorità è stata la scelta dello sfondo, che doveva essere più scuro rispetto al piano frontale. Così siamo riusciti a mettere in risalto la nostra star, la T-Roc R.

Dopo il servizio fotografico siamo passati alla fase di post-produzione e all’elaborazione delle immagini, che ci ha permesso di migliorare ancora di molto la qualità, ad esempio riducendo al minimo o eliminando gli elementi di disturbo nell’ambiente circostante o i riflessi sul veicolo.

La T-Roc R parcheggiata di traverso dal davanti accanto a una scala a chiocciola

Oggi, quando riguardo le foto, non ho dubbi: è così che la T-Roc R appare ai miei occhi. Questa è la mia auto e mi piace così com’è. Ringrazio moltissimo Volkswagen per quest’esperienza così divertente.

--:--

Per concludere, un consiglio a tutti gli appassionati di fotografia armati di smartphone. Questi dispositivi presentano spesso delle impostazioni di luminosità troppo chiare per determinate condizioni di luce. Per questo motivo il mio consiglio è di toccare sullo schermo il soggetto della foto e ridurre un po’ la luminosità, per conferire all’immagine più profondità e dinamica. Buon divertimento con i vostri nuovi scatti.

Oliver Malicdem
content creator, fitness influencer, influencer per Volkswagen e fotografo

Oliver Malicdem si appoggia sul suo T-Roc R

A ottobre, insieme a Oliver Malicdem e al suo team di Contentcreators.chOpens an external link partiremo con una videoproduzione di alto livello. Per ora possiamo dirvi solo questo: raggiungeremo nuove altezze, a velocità mozzafiato. 

Anche questi potrebbero interessarvi:

La parata dei Maggiolini 

Sulla strada del successo con l’Arteon Shooting Brake 

Il Büetzer si dà da fare nella fabbrica Volkswagen

Con la Golf Alltrack nell’eden del parapendio emozioni ad alta quota

La regina dei ghiacci e la T-Roc R 

Fino all’ultimo watt: record di autonomia con la ID.3

Anche questi potrebbero interessarvi: